La dottrina Omeopatica è insieme una teoria dell’essere ed una metodologia terapeutica. Sua base fondamentale è la “legge del simili”, l’ippocratico similia similibus curentur.

Secondo tale legge ogni malattia può venire guarita utilizzando, diluita e dinamizzata, la sostanza capace di provocare, se sperimentata nell’uomo uno una simile patologia. Il principio di similitudine stabilisce dunque un collegamento tra il potere tossicologico e quello terapeutico di una stessa sostanza, in quanto tale sostanza viene usata per guarire una malattia “simile” al suo potere tossico.

Piramide-PendePer comprendere invece il principio di “individualità morbosa” (o di individualizzazione del malato), è necessario rifarsi allo studio biotipologico di N. Pende (1925). La sua concezione, che si inserisce nella scuola costituzionalistica italiana di A. De Giovanni e G. Viola, tiene conto di molti fattori, fisici e psichici. per la determinazione del tipo individuale. Lo studio biotipologico è schematicamente raffigurato da Pende come una piramide a base quadrangolare. La base raffigurerebbe il patrimonio ereditario, una prima faccia i caratteri neurologici (faccia morfologica), una seconda i caratteri funzionali (faccia dinamico-amorale). la terza i caratteri morali (faccia morale), la quarta i caratteri intellettuali (faccia intellettiva): l’apice della piramide sarebbe la sintesi della personalità individuale, cioè il “biotipo”.

Attraverso questo studio si ottiene la rappresentazione effettiva dell’individuo, del biotipo appunto, inteso nella sua singolarità, totale e indivisibile, di psiche e soma. La malattia diviene allora, in omeopatia, espressione della particolare reattività individuale a circostanze avverse (agenti microbici, sostanze tossiche, stress, emozioni, ecc.) in funzione di costituzione e predisposizione ad ammalarsi. Logica conseguenza del principio di individualità morbosa è quello di “individualità medicamentosa” (o di individualizzazione del rimedio), in base al quale non esistendo una reattività agli agenti patogeni identica per tutti, cui contrapporre una terapia altrettanto identica, è necessario, di volta in volta, utilizzare un rimedio ugualmente individuale.